home

PV

Siamo riuniti oggi nella gioia per pregare insieme e ricordare Madre Laura Baraggia nell’anniversario della sua nascita e del dono della grazia nel suo S. Battesimo.

Eleviamo nella preghiera la nostra lode al Signore che, attraverso la Chiesa che ora la riconosce come Venerabile, benedice ed esalta il suo cammino spirituale proponendolo a tutti noi come modello.

 

Nel suo diario spirituale la Madre aveva annotato: Sono nata il primo giorno del mese dedicato alla Madre SS.”. E sappiamo bene che ella ebbe il dono di intuire fin da piccola, l’importanza della presenza di Maria nella sua vita, nella vita della Chiesa, nella vita di ciascuno. Per questo oggi, inizio del mese di maggio, celebriamo la nostra lode nella preghiera anche in onore di Maria, fonte di luce e di vita.

L’esperienza spirituale di madre Laura, fu contraddistinta dalla corrispondenza, docile e coraggiosa, forte e illuminante, con la profondità e fedeltà dell’adesione alla volontà del Signore. Fu risposta ad una chiamata e fu fedeltà nella semplicità del quotidiano. La risposta vera all’Amore infatti sta proprio nella fedeltà, non sta in un attimo, ma arricchisce e matura l’intera vita, purificandola da tante nascoste scorie, sotto l’azione del fuoco dello Spirito.

Madre Laura ha scelto di lasciarsi coinvolgere dal Signore, suo sposo amato, nel vortice del dono di sé, con il desiderio di vivere il servizio ai più piccoli, ai poveri, alla gente semplice della campagna, con la consapevolezza di essere lei stessa semplice e povera ma con un grande amore da donare. Ha saputo accogliere anche la croce e da essa si è lasciata portare, mostrandoci lo spessore della sua esistenza, l’autenticità della risposta, la verità dell’amore.

Nella Chiesa, che ora riconosce l’eroicità delle sue virtù e la definisce “verbale”, ha vissuto, amato, servito, come un seme nascosto. Per noi, oggi, il suo cammino spirituale è fonte zampillante di doni e di grazia alla quale vogliamo dissetarci e dalla quale attingere la stessa autenticità.